big_logobido

Villa




Il Progetto è nato con scopo di destinare questa splendida Villa Settecentesca, caratterizzata da una geometria simmetrica di gusto classico, ad uso Direzionale/Commerciale/Servizi/Ricettivo, affinché gli oltre 40.000 abitanti di quest’area potessero trovare raggruppati quei servizi, che altrimenti avrebbero richiesto molto tempo per il loro adempimento.
page_vistanord-ovestsito
page_vistasudsito
page_vistaovestsito
Villa Bido (XVIII sec.) ritorna a vivere grazie alla passione dei proprietari per la storia e la valorizzazione del territorio, per la scoperta e le vicende che questa nasconde.


La Villa si trova geograficamente inserita tra le aree del Conselvano e il Polesine, un’area molto vasta, caratterizzata da moltissimi agglomerati urbani. Spesso molto distanti fra loro e molto distanti, a loro volta, dalle due aree di cui sopra.
page_vistaavoloduccellositoprov



Il progetto di ristrutturazione è curato dall’architetto Paolo Tertuliano Zara in collaborazione con il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, sede regionale del Veneto, nella persona del Soprintendente Dott. Luca Caburlotto, coadiuvato dalla Dott.sa Elisabetta Francescutti.
I lavori di restauro sono stati affidati alla Dott.sa Monica Vial.
page_tizianodimsito
page_torquatotazzodimsito
page_carlogoldonidimsito
Tracce dei primi insediamenti umani risalgono all'età del bronzo. Le frequenti rotte dell'Adige segnarono profondamente il territorio di Anguillara, che per molti secoli rimase in prevalenza paludoso.

Per la sua posizione di confine i Carraresi signori di Padova vi eressero un castello, e nel periodo medievale il paese fu teatro di diversi scontri militari con le potenze confinanti (Ferraresi in primis).

Con la sconfitta dei Carraresi nel 1405 da parte della Repubblica di Venezia, il territorio entrò a far parte politicamente della Serenissima, mentre la Veneranda Arca del Santo di Padova ottenne la proprietà economica dei terreni e la mantenne fino al 1974.

Nel XVI secolo iniziarono i lavori di bonifica (taglio dell'Argine vecchio del Gorzon in località Taglio, 1557), che furono completati solo tre secoli più tardi.

La difficile situazione economica, dovuta all'economia prevalentemente agricola e allo scarso sviluppo industriale, incoraggiò nel secondo dopoguerra una massiccia emigrazione verso l'estero e le più ricche regioni del nord-ovest italiano.
page_affrescovillabido-ritagl
Villa BIDO
  Anguillara Veneta (PD) - Via Roma,100
Tel 049-8976010 - Fax 049-8976016 - info@villabido.it
Create a website